• Giovanna Gammino

Scarcelle di Pasqua salate

Aggiornato il: apr 14

Un po’ di soffice e profumata tradizione e… bon appétit!

Quando l’aria comincia a profumare di fiori, ed è frizzantina, le cucine fermentano di preparazioni dolci e salate non ho dubbi… la Pasqua è alle porte.

Sin dalla mia infanzia, in casa di mia nonna materna non c’era pranzo di Pasqua che si rispetti senza qualcosa di salato che serviva per cominciare in bellezza la nostra festa.

Per questo oggi ho pensato di proporti la sua ricetta delle Scarcelle di Pasqua nella versione salata.

Mia nonna le preparava sapientemente al mattino perché dovevano essere mangiate appena fatte (per lei era impensabile farle il giorno prima), nell’attesa che il pranzo fosse pronto e accompagnavano qualche bella fetta di treccia pugliese di mozzarella, olive piccanti, caciocavallo e salamini di varia natura magari anche piccanti, insomma cominciando col botto… arrivare poi alla fine del pranzo era davvero durissima.

L’impasto è tipo un pan brioche salato, io l’ho sempre trovato goloso nonostante la semplicità degli ingredienti utilizzati perché impreziosito dall’utilizzo di una dose abbondante di parmigiano grattugiato (nulla ti vieta di aggiungere anche qualche pezzetto di salame o di altri salumi che…. non guastano mai).

Questa è un’antichissima ricetta perché è quella di mia nonna e certamente ne esistono molte altre nuove versioni, ma quando la faccio, non so spiegarti il perché nonostante produca scarcelle sempre in abbondanza non avanza mai niente.

Vuoi anche tu aprire il pranzo di Pasqua in bellezza? Allora indossa il grembiule e ti aspetto in cucina!


Per preparare questa ricetta ti servirà

200 g di farina 1 (dose per 6 scarcelle)

150 g di farina manitoba

1 bustina di lievito istantaneo per impasti salati

50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato

35 g di strutto (o se preferisci 2 cucchiai di olio evo)

225 ml di acqua

1 cucchiaino di sale

Per decorare

1 uovo sbattuto

6 uova

Mandorle affettate qb

Parmigiano Reggiano grattugiato


Prepariamola insieme

Per cominciare occupiamoci dell’impasto.

Io per comodità ho fatto impastare alla mia inseparabile e fedele amica planetaria, ma se preferisci puoi impastare a mano.

Setaccia le farine con il lievito in una ciotola, aggiungi il formaggio, lo strutto (o l’olio) e mescola, aggiungi l’acqua poco alla volta e infine il sale dovrai ottenere un composto liscio e omogeneo.

Ora dividi in sei parti uguali l’impasto, da ogni divisione dovrai ricavare 2 rotolini (dovranno essere lunghi almeno 30 cm) intrecciali tra loro e chiudi tutto a ciambella, spennella con l’uovo sbattuto ogni scarcella, aggiungi formaggio e mandorle a piacere in superficie, ora inserisci nella parte centrale l’uovo.

Cuoci in forno preriscaldato nella parte media a 200° statico, 190° ventilato per 15/20 minuti al massimo.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti