• Giovanna Gammino

Strudel salato con mortadella stracchino e cavolo cappuccio

Semplicemente irresistibile e… enjoy your food!


Ti andrebbe una bella fetta di strudel…salato?

Credimi una vera bontà tale da sorprendere chiunque!

La parola “Strudel” significa “Vortice” per questo quando tagli una fetta, ti accorgi che il ripieno arrotolato nella pasta pare racchiuso proprio in una sorta di scrigno sfizioso.

Ogni morso ti invita a continuare a gustarlo senza poterti fermare finché il vassoio non si svuota...

Per fortuna è così comodo e veloce da preparare tanto che puoi rifarlo quando vuoi liberando la tua fantasia magari cambiando il ripieno in funzione della disponibilità della tua dispensa.

Puoi considerarlo un ottimo antipasto da condividere, o perfino un piatto unico perché contiene sia i carboidrati dell’impasto, che le proteine della mortadella e stracchino ed infine le vitamine della verdura.

La pasta dello strudel in genere non è frolla e nemmeno sfoglia, ma allo stesso tempo è croccante leggera e sottilissima, la stessa utilizzata per la versione dolce ma anziché le mele o le pere questa volta accoglie mortadella, cavolo cappuccio e stracchino creando una magia golosa piena di gusto, insomma una vera e propria fragrante coccola salata.

Puoi considerarla anche un’idea alternativa alla classica torta salata (perché vale la regola che è vietato annoiarsi in cucina), o nel caso in cui non sai cosa portare quando sei invitata a cena da amici e qualcuno ha già pensato al dolce.

Si adatta molto bene anche per un pranzo al sacco in una gita fuori porta (e visto che si avvicina il giorno di Pasquetta…), per la merenda dei tuoi bambini o perché no, anche per una colazione salata… insomma… è stragoloso sempre.


Che ne dici, ti va di prepararlo insieme?

Allora ti aspetto in cucina, allaccia il grembiule e cominciamo subito.


Per realizzare questa ricetta ti servirà:

300 g di farina

150 ml di acqua frizzante o vino bianco

50 ml di olio evo più un po’

1 cucchiaino di sale fine

Spezie a piacere (io, per esempio, ho aggiunto curry e curcuma)

350/400 g di cavolo cappuccio

1/2 cipolla tagliata finemente

stracchino 2/3 cucchiai (o il formaggio spalmabile che preferisci)

3 o 4 fette di mortadella (o mortadella tagliata a cubetti molto piccoli)

Latte qb

Semi misti qb


Prepariamola insieme:

Partiamo preparando la pasta per il nostro strudel salato.

Si tratta di un’operazione molto semplice e da quando ho cominciato a fare questo impasto (molto versatile in quanto si adatta sia alla versione dolce che salata) ti confesso che non compro più pasta sfoglia e similari.

Per prima cosa versa in una ciotola l’acqua frizzante o il vino bianco, l’olio extra vergine d’oliva, mi raccomando, scegli preferibilmente un olio dal sapore delicato e il cucchiaino di sale.

Aggiungi poi la farina e amalgama bene tutti gli ingredienti, termina l’impasto con l’aiuto delle mani fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo, facilmente lavorabile.

A questo punto, fai riposare almeno 30 minuti, coprendo con un canovaccio pulito.

Io spesso la preparo il giorno prima tenendola in frigo fino al momento di stenderla, si conserva benissimo anche un paio di giorni.


Ora occupiamoci del nostro cavolo cappuccio.

Dopo averlo lavato e tagliato, in una padella fai rosolare appena un cucchiaio d’olio evo, aggiungi il cavolo, la cipolla tagliata finemente una presa di sale e cuoci 5’ a fiamma media, poi spegni e fai raffreddare (ultimerà la cottura in forno).

A questo punto su un foglio di carta forno, stendi il panetto di pasta con un matterello, dai una forma rettangolare, e mantieni uno spessore di qualche millimetro.

Ora stendi lo stracchino su tutta la superficie, facendo attenzione a lasciarne libera una cornice di circa un centimetro.

Adagia sul formaggio le fette di mortadella, il cavolo brasato e confeziona lo strudel arrotolando la pasta prima attorno al ripieno, poi su sé stessa.

Volendo puoi spennellare la superficie con latte e cospargerla di semi misti.

Cuoci in forno statico a 180° per 45 minuti e in forno ventilato a 170° per 40 minuti ma come al solito dipende dal tuo forno quindi il mio consiglio è di controllare dopo mezz’ora di cottura.



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti