• Giovanna Gammino

Una fetta tira l'altra e... bon appétit!

Se è vero che le verdure e i legumi mi piacciono moltissimo, allo stesso modo adoro la carne e soprattutto il roast beef cotto al forno o in tegame.

Il roast beef è una tipica pietanza della cucina tradizionale anglosassone, un secondo di carne diventato famosissimo ovunque tanto che è possibile trovarlo in commercio già pronto anche nelle gastronomie.

Pensi che prepararlo sia un’impresa ardua soltanto da ristorante?

Se seguirai la mia ricetta sono certa diventerà uno dei tuoi piatti migliori anche per le grandi occasioni perché è meno difficile di quanto si pensi ma il sapore è veramente spaziale!

Mia mamma faceva spesso l’arrosto ma non il roast beef e ricordo di averlo provato per la prima volta ad un matrimonio…. al primo assaggio mi ha letteralmente conquistata quindi voglio condividere con voi la ricetta che mi è stata gentilmente offerta da una mia carissima amica.

Puoi gustarlo freddo in estate o tiepido negli altri periodi dell’anno, come antipasto, o come secondo, nella cucina quotidiana o nelle grandi occasioni farai sempre una bellissima figura, l’importante è che venga affettato rigorosamente a fettine sottili (se non disponi di un’affettatrice usa un coltello molto affilato o un coltello elettrico).

Ricordati soltanto che gli elementi da tenere in considerazione per la riuscita di questo piatto sono due:

- La scelta del taglio della carne

- La cottura

Per gustarlo al meglio, ti consiglio di cuocerlo un giorno prima….sarà ancora più buono.

Una cosa è certa, più il pezzo di carne è grande, migliore è la riuscita del piatto: io, per evitare di mangiare roast beef per tanti giorni…. surgelo l’eccedenza da cotta.

Allora… ti ho convinto a preparare questo spettacolo con me? Bene, indossa il grembiule e ti aspetto in cucina!


Per preparare questa ricetta ti servirà

(per 4 persone)

750 g di carne rossa tipo roast beef (idoneo anche lo scamone o magatello di manzo)

50 ml di olio evo

1 rametto di rosmarino

1 Rametto di timo

1 Rametto di salvia

Brodo di carne (in alternativa puoi usare anche un dado)

Sale qb

Pepe qb

1 spicchio d’aglio (facoltativo)

Cottura in tegame a bordi alti


Prepariamola insieme

Per cominciare, togli l’eventuale grasso dal pezzo di carne e utilizzala a temperatura ambiente, vestila con i rametti di aromi e legala con spago per alimenti.

A questo punto cospargi di sale e pepe, utilizza una pentola con i bordi alti, aggiungi olio, aglio, quando sarà bello caldo fai rosolare la carne su tutti i lati e se decidi come ho fatto io

di terminare anche la cottura sul fornello, fai cuocere circa 4 minuti per lato per una cottura media come piace a me, ogni tanto aggiungi qualche cucchiaio di brodo di carne e porta a cottura.

Generalmente la tempistica dipende dal peso e dalla forma della carne, per questo ti consiglio l’acquisto di un termometro per misurare la temperatura al cuore della carne (40° cottura al sangue, 48/55° media, dai 58° in poi sarà cotta) che ti consentirà una cottura perfetta e come piace a te.

Trascorso il tempo, togli dalla pentola e fai freddare in un piatto, successivamente, conservalo coperto con pellicola qualche ora in frigorifero (se lo prepari il giorno prima è ancora più buono).

Taglialo da freddo, farai senz’altro meno fatica e la fetta risulterà più regolare, bagnalo con il suo sugo di cottura e servi tiepido.

Come contorno, qualche patata arrosto profumata al rosmarino, o una bella insalata mista e il gioco è fatto, sono sicura che riuscirai a stupire tutti.


10 visualizzazioni0 commenti
  • Giovanna Gammino

Un arcobaleno di spezie, profumi e... bon appétit!

Quando i miei fratelli ed io eravamo piccoli, la mamma per invogliarci a mangiare la carne spesso preparava il polpettone di carne; consuetudine che ho mantenuto per anni finché un giorno ho deciso che era il momento di cambiare ed è per questo che ora li preparo anche di pesce o come in questo caso… di verdure! E tu hai mai pensato di farne uno alla melanzana?


Io amo molto i piatti tradizionali, mi piace anche modo puntare sui sapori delicati, o quelli profumati dalle spezie e in questo polpettone ne uso moltissime perché adoro il profumo che si sprigiona quando viene cotto in forno.


La melanzana è uno dei miei ortaggi preferiti, per il suo gusto amarognolo e il suo profumo persistente, mi piace in tutti i modi ripiena, a cubetti, fritta, con la pasta, ma in questo modo possiamo trasformarla in un antipasto o in un secondo sostanzioso.

Tieni a mente questa ricetta quando ti va di portare in tavola una semplice alternativa particolare e appetitosa.


I pregi di questo piatto sono la semplicità nella preparazione e la versatilità perché puoi adattarlo nella cucina di tutti i giorni o riservarlo alle occasioni speciali, ma a prescindere da tutto, il polpettone mette sempre tanta allegria!

Allora… ti ho convinto a preparare questa delizia con me? Bene, indossa il grembiule e ti aspetto in cucina!


Per preparare questa ricetta ti servirà

600 g di melanzane a netto di scarti

2/3 fette di pane in cassetta o pane normale

½ bicchiere di latte

3 cucchiai di pan grattato

3 cucchiai di grana

1 uovo

basilico fresco e spezie a piacere

sale

50 g di scamorza affumicata (oppure formaggio a pasta filante)

4 cucchiai di olio extravergine

1 spicchio d’aglio (facoltativo)


Prepariamola insieme

Per cominciare metti a bagno il pane spezzettato grossolanamente nel latte pochi minuti, strizzalo e tieni da parte.

Ora ci occupiamo delle melanzane: metti in padella 1 spicchio d’aglio sbucciato, 2 cucchiai di olio extravergine, aggiungi le melanzane a cubetti e cuoci per 15 minuti circa fino ad ottenere delle melanzane morbide, aggiungi il sale e se occorre qualche cucchiaio d’acqua per terminare la cottura, fai freddare completamente.

In una ciotola aggiungi le melanzane cotte, il pane ammollato e strizzato che hai tenuto da parte, il formaggio grattugiato, il basilico spezzettato, le spezie che preferisci, l’uovo, il pan grattato, impasta bene poi forma un rettangolo di impasto sulla carta forno, aggiungi il formaggio filante al centro e con l’aiuto della carta forno dai la forma al polpettone richiudendolo bene, mettilo in uno stampo da plumcake e lascialo in frigo 20 minuti prima di cuocerlo per mezz’ora circa a 180 gradi.


Ti consiglio di lasciarlo intiepidire prima di tagliarlo e gustarlo accompagnadolo con un buon bicchiere di Verdicchio dei Castelli di Jesi della Cantina Mezzanotte di Senigallia.



13 visualizzazioni0 commenti
  • Giovanna Gammino

Fragranti, profumati irresistibili e… bon appétit!

Sei per caso alla ricerca di deliziosi biscottini adatti ad ogni occasione?

Allora sei capitata nel posto giusto, è proprio il momento di preparare i miei.

Questi buonissimi biscotti, nonostante la semplicità degli ingredienti utilizzati, sono

appetitosi e profumati, vanno preparati, infornati e gustati perché uno tira l’altro e difficilmente riuscirai a moderarti.

Inoltre non contengono lattosio quindi sono perfetti anche per chi ha intolleranze ma desidera comunque un momento di dolcezza, sono l’ideale per una pausa con i fiocchi o per cominciare bene la giornata.

Si preparano davvero velocemente e non c’è mai il rischio che ne avanzino (purtroppo) da una merenda in compagnia o da qualsiasi altro momento di condivisione.

Ti va di prepararli con me?

Allora indossa il grembiule e ci vediamo in cucina!


Per preparare questa ricetta ti servirà

150 g di latte vegetale

120 g di olio di semi di girasole

120 g di zucchero

buccia di 1 limone (o arancia) grattugiata

1 pizzico di cannella (o 1 bustina di vanillina)

1 bustina di cremor tartaro o lievito per dolci

450 g di farina 00

40 g di gocce di cioccolato (se preferisci puoi tagliare grossolanamente una tavoletta)

2 cucchiai di uvetta


Prepariamola insieme

In una ciotola metti il latte, l’olio, lo zucchero, il limone grattugiato e mescola bene.

A parte setaccia le polveri tutte insieme (farina, la cannella e il lievito), a questo punto, unisci poco alla volta le polveri, le gocce di cioccolato e l'uvetta al composto liquido, alla fine dovrai ottenere un composto abbastanza asciutto e poco appiccicoso.

Fai riposare l’impasto 10 minuti.

Trascorso il tempo, libera la tua fantasia e dai forma ai tuoi biscotti tanto non esistono regole, ricorda solo di metterli su carta forno, spennella con acqua (o latte) e aggiungi poco zucchero di canna.

Inforna a 190 ° per 15 minuti, fai freddare su una griglia, prepara subito un bel cappuccino e se mi chiami vengo subito ad assaggiarli!


11 visualizzazioni2 commenti